I cani rispecchiano lo stress dei loro proprietari

I ricercatori della Linkoping University, guidati da Ann-Sofie Sundman Department of Physics, Chemistry and Biology (IFM), hanno valutato quanto i livelli di stress nei cani siano influenzati da alcuni fattori: stile di vita e padroni con cui convivono.

Oltre il gioco delle somiglianze somatiche e caratteriali, quindi, il legame emotivo con il proprio amico a quattro zampe si dimostra sempre più uno sfaccettato ed affascinante mistero naturale.

Emozioni e stress: trasmissione inter-specifica

Uno studio precedente aveva già dimostrato che individui della stessa specie possono rispecchiare i reciproci stati emozionali.

Esiste, per esempio, una correlazione tra stress cronico a lungo termine nei bambini e quello dello loro madri.

In quest’ultimo lavoro scientifico, invece, emerge una speculazione scientifica su un riflesso perfetto dei livelli di stress -sul lungo periodo- che riguarda due specie diverse: i cani e i loro padroni.

Cortisolo dei cani coincide con quello degli esseri umani con cui vivono: lo studio

I ricercatori hanno determinato i livelli di stress per diversi mesi, dosando la concentrazione di cortisolo, ormone che denota e segnala stress in corso, in pochi centimetri di peli dei cani e dei capelli dei loro proprietari.

I due livelli ormonali, nei cani e nei padroni sono risultati combacianti.

L’analisi ha preso in esame 25 border collies e 33 shetland sheepdogs, tutti associati a proprietari donne.

Le proprietarie hanno fornito due campioni dei propri capelli nella stagione estativa ed in quella invernale.

Cani da agility e accompagnatori umani sportivi

Poichè l’attività fisica può influenzare le concentrazioni di cortisolo, innalzandole, Ann-Sofie Sundman ha voluto confrontare proprietarie sportive con i propri cani attivi in competizioni di agility.

Se indagini precedenti avevano portato ad affermare che i livelli di cortisolo salivare -a breve termine- crescessero in modo sincrono tra cani e proprietari, quando questi competevano insieme, qui il risultato è stato diverso.

Secondo i ricercatori LiU, l’attività fisica nei cani non influenza i livelli di cortisolo a lungo termine, come riscontrato nei loro peli.

Ciò che influenza, invece, i livelli di stress nei cani fisicamente attivi sembrano proprio essere i livelli di stress dei padroni.

I cani manifestano lo stesso grado di stress dei loro padroni.

I ricercatori ipotizzano che questo potrebbe essere dovuto ad un più elevato grado di attiva interazione cane-padrone, quando ci si allena e si compete in coppia.

E la personalità umana, influisce sullo stress dei cani?

Mediante la somministrazione di un questionario specifico per cani e padroni (Dog Personality Questionnaire -DPQ- e human Big Five Inventory -BFI-), i ricercatori hanno potuto valutare se i livelli di stress canino fossero correlati alla personalità animale.

I risultati hanno escluso la correlazione diretta tra personalità dei cani e loro livello di stress.

La personalità umana si è dimostrata una causa diretta dei livelli di cortisolo e di stress nel cane.

Coscienziosità, riflessività, nevrosi o estroversione del padrone incidono nettamente sullo stato di stress cronico dei cani con cui convivono.

Curiosità scientifiche ancora da soddisfare

Studi ulteriori si rivelano necessari per chiarire la causa di questa affascinante correlazione emotiva.

Si prevedono, infatti, nuovi studi che includano altre razze canine, con caratteri e peculiarità differenti, come i cani da caccia, notoriamente abituati a maggiore autonomia ed indipendenza comportamentale dai propri padroni.

Un’altra linea di ricerca, invece, potrebbe valutare differenze nella sincronizzazione dello stress tra umano e cane, in base al sesso del proprietario.

Sincronizzazione dei livelli di cortisolo tra cani e padroni.

Riferimenti bibliografici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *